CONOSCERE CHI SCRIVE. DAL NEW YORK TIMES, ANCORA SU MUNRO

Ho scritto di Alice Munro su La Stampa di oggi e rimando all’edicola per l’articolo.
In compenso, sul New York Times esce un pezzo di Alexandra Alter, Elizabeth A. Harris e Vjosa Isai dal titolo A Silence Is Shattered, and So Are Many Fans of Alice Munro.
Riporto qui alcune reazioni di scrittrici e scrittori.

La scrittrice canadese Margaret Atwood ha scritto in un’e-mail di essere stata “colta di sorpresa” dalle rivelazioni. Sebbene avesse appreso qualcosa, un paio di anni fa,  sulla causa della frattura familiare da una delle altre figlie di Munro, non aveva mai saputo la storia completa finché non ha letto il resoconto di Skinner.

“Perché è rimasta?”, ha scritto Atwood sulla decisione di Munro. “Penso che appartenesse a una generazione e a un luogo che nascondevano le cose sotto il tappeto”. E ha aggiunto: “Mi sono resa conto di non sapere nulla di chi pensavo di conoscere”.

Altre reazioni: una moltitudine di scrittori e giornalisti, tra cui Lydia Kiesling, Brandon Taylor e Jiayang Fan, hanno espresso shock e dolore per la notizia. Altri, tra cui la scrittrice Rebecca Makkai, si sono chiesti se da quel momento in poi sarebbe stato possibile separare la scrittura di Munro, che esplorava tumultuose vicende familiari e fughe improvvise, dal suo comportamento.

“Queste rivelazioni non solo annientano l’eredità di Munro come persona”, ha detto, ma rendono le sue storie “confessioni a metà”. “Per me, questo le rende illeggibili del tutto”.

C’è un’altra storia. Non esattamente bella. Robert Thacker, uno studioso di letteratura che ha pubblicato una assai lodata biografia della scrittrice,  “Alice Munro: Writing Her Lives”, ha affermato che proprio mentre il libro stava per andare in stampa nel 2005, ha ricevuto un’e-mail da Skinner, che descriveva gli abusi sessuali che aveva subito.

“Penso che volesse che lo raccontassi”, ha detto. Ma il libro era finito, ha detto, e ha concluso che non era compito suo come biografo letterario addentrarsi in una travagliata storia familiare.

Intorno al 2008, Thacker andò nuovamente da Munro per intervistarla per una versione aggiornata della biografia. Lei gli chiese di spegnere il registratore in modo da poter discutere sulla storia di Skinner. “Una delle cose più tristi della sua vita”, ha detto Thacker. Che però non ha incluso gli abusi nella versione aggiornata del 2o11. “L’ho vista come una questione privata , ha detto.

Jessica Johnson, una giornalista culturale canadese, ha detto che alcune persone famose, tra cui quelle che scrivono, sono considerate immacolate. “Viviamo in un mondo di celebrità che tende a considerare personaggi come Munro come ineccepibili”, ha detto. “Ma la vera Alice Munro”, continua Johnson, “non la conosceva nessuno”.

Questo è, e non ho altro da aggiungere. Chi desidera continuerà a leggerla, chi non se la sente non lo farà. Il resto fa parte degli abissi in cui ci specchiamo, tutte e tutti, anche i puri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto